I casino online ed il gioco d’azzardo a vigevano

Crediamo che ormai non rimanga un solo “pezzo” della nostra bella Penisola che non abbia ingaggiato -o che stia ingaggiando- iniziative contro il gioco d’azzardo ed i disagi che -si dice- questo comporti. Dobbiamo sottolineare prima di entrare nell’argomento “Vigevano” che i dati relativi alla ludopatia, termine che siamo abituati a sentire abbinato al gioco d’azzardo, comunicati ai cittadini vengono prima resi pubblici e poi smentiti e poi corretti e non esistono al momento reali statistiche che possano comprovare che il gioco d’azzardo compulsivo sia maggiore di altri disagi come la droga o l’alcool pur essendo un disagio grave da curare e contrastare, ovviamente, ma non può essere la “causa di tutti i mali”.

Per tornare a Vigevano, dove si sta ponendo la problematica del GAP, il Sindaco è chiamato a promuovere iniziative mirate a sensibilizzare il Governo per la promulgazione di una legge che dia concretezza alle varie disposizioni regionali, e che si sensibilizzi a limitare le installazioni sul territorio di slot machine all’interno di bar od esercizi commerciali in genere ed altresì che venga applicato il “distanziometro” anche alle attività di sale da gioco esistenti e che ne chiedano il rinnovo: insomma al Sindaco viene presentata una mozione come un vero e proprio “giro di vite” nei confronti del gioco pubblico per frenarlo in ogni “espressione”…. praticamente per farlo sparire. Ma la mozione avrà tenuto presente che in queste attività vengono impiegate tante risorse umane che, diversamente, sarebbero in “mezzo ad una strada”?