Il gioco d’azzardo dell’ippica tira una boccata d’aria

Una buona notizia nel mondo dell’ippica ci voleva senza dubbio: dopo tanti mesi di ansia, attesa, tensione e sofferenza finalmente sembra che si siano sbloccati i pagamenti agli “addetti ai lavori”di scuderie ed ippodromi. I premi da aprile ad agosto 2013 verranno saldati entro il mese corrente direttamente dall’ex Assi, mentre i premi del 2012 relativi al settembre e successivi verranno saldati appena giungeranno le somme del Preu. Sono notizie confortevoli che devono dare al comporto ippico fiducia e serenità e senza dubbio “una boccata di ossigeno puro” ripagando i loro “addetti” di tutte le tribolazioni subite recentemente.
Speriamo quindi che tutto si regolarizzi al meglio e che il settore ippico che così tanto “Lustro” ha dato al nostro Bel Paese ritorni a “rifulgere” di quella bellezza ed eleganza ed adrenalina che ha fatto della categoria ippica un’eccellenza a livello Nazionale, facendo conoscere in tutto il Pianeta le bellezze di questo sport in tutte le sue “sfaccettature”: non si poteva far dimenticare quanti fenomeni “a quattro zampe” hanno fatto vibrare i cuori ed illuminare gli occhi dei partecipanti ai tornei ed agli eventi con le evoluzioni così piene di classe e signorilità, così come non si poteva far dimenticare il lavoro pesante, testardo, professionale e costante degli “addetti al mondo ippico” così a lungo fatto soffrire e lasciato nel “dimenticatoio”. Non era assolutamente giusto!